Esonero contributivo per l'assunzione stabile di giovani

l’INPS ha chiarito i criteri e le regole per la fruizione dell'esonero contributivo previsto in via strutturale dalla Legge di Bilancio 2018.. 

 In particolare, segnaliamo:

 1) Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato

 È previsto un esonero contributivo nella misura del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua.

Tale beneficio riguarda le assunzioni a tempo indeterminato intervenute a decorrere dal 1° gennaio 2018 e la durata è pari a 36 mesi.

L'esonero è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che abbiano o meno la natura di imprenditore.

Questo incentivo non costituisce "aiuto di Stato" in quanto è rivolto alla generalità dei datori di lavoro privati che operano in ogni settore economico su tutto il territorio nazionale.

L'esonero riguarda tutti i rapporti di lavoro a tempo indeterminato con eccezione dei contratti di:

Nel caso in cui il beneficio sia stato parzialmente fruito da un precedente datore di lavoro e il lavoratore venga nuovamente assunto a tempo indeterminato da un nuovo datore di lavoro, è riconosciuto per il periodo residuo, indipendentemente dall’età anagrafica del lavoratore alla data della nuova assunzione.

L'esonero contributivo spetta a condizione che l'assunzione a tempo indeterminato riguardi soggetti che:

 
2) Esonero per l'assunzione/trasformazione a tempo indeterminato di giovani che hanno concluso un periodo di alternanza o un periodo di apprendistato di primo o terzo livello

 L'esonero contributivo spetta nella misura del 100% dei contributi dovuti dal datore di lavoro, sino ad un massimo di 3.000 euro annui per 36 mesi, ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato, entro 6 mesi dall'acquisizione del titolo di studio, studenti che abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro percorsi di alternanza scuola-lavoro ovvero periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore (c.d. primo livello) o periodi di apprendistato in alta formazione (c.d. terzo livello).

In particolare, i percorsi di alternanza devono essere riconducibili alle seguenti fattispecie:

  

Per maggiori informazioni potete consultare la news e i relativi approfondimenti sul sito di Assolombarda:

http://www.assolombarda.it/servizi/lavoro-e-previdenza/informazioni/esonero-contributivo-per-lassunzione-stabile-di-giovani

Contatti:

Area Lavoro e Previdenza: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02.58370.366-274-391-262-263-228

Presidio territoriale Monza: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  tel. 039.3638.235-231

 

 

Stampa